Notte

senza-nome-1
Notte.
Sono nel sedile posteriore di una qualsiasi auto, torno in albergo. Mi volto verso il finestrino e guardo fuori, la strada, le luci.
Mi viene da farlo, sempre. Mi perdo in me.

…RistoranteTrattoriaToscanaUnicreditVideomatLaCasaDellaPastaFotocopieVolvoViaEmiliaEaglePub…

E poi guardo in alto il cielo, c’è la luna, ma velata, vedo tracce di nuvole che con questa luce multicolore riflessa sembrano addirittura rosa, manco fossimo in yellow submarine e tra un pò dovessero passare i Beatles con i piedoni giganteschi.
Pensa dove sono arrivato, ai Beatles. Attraverserebbero, giganti, la strada come in Abbey Road, solo un tantino più psichedelici. Sarebbe un bel vedere.
Ma cambio subito e penso al fatto che in questo momento anche tu potresti alzare gli occhi e per un attimo essere con me. Stessa scena, due persone distanti, stessa immagine mentale. Tu, mi piace immaginarti così, che alzi un attimo la testa e tac, accade.

… sai Mimì che la paura è una cicatrice che sigilla anche l’anima più dura…

Non ci riesco. Mia amica e amante, non riesco a scrivere leggero e ironico, parto in questo modo, ma finisco sempre in queste mie spiagge d’oceano. Lunghe e incantevoli, ma inabitate se non dai miei pensieri. Eppure vorrei, eppure non sono così.
Spiagge.
Viaggi minimi che passo dentro di me “…tra 100 metri, svoltare a sinistra…” e mi basta un singolo stimolo per ricaderci ogni volta. Mi incanto, tutto questo m’incanta. Solo che non so sfilare le immagini giuste per fermarmi.
Tu, io.
Le immagini giuste. Le ho dimenticate, perdonami. Ho bisogno di te per rinnovarle.

…BestWesternDonerKebabPizzaritoPastarito…un uomo in bicicletta…”domani,presto,svegliarmi,valigia”…ParcheggioMetroBarMobiliTabacchi…

Sono quasi arrivato. Stazione Centrale, più in là l’albergo, più in là ancora non so quando, ma di certo so che dormirò.
Non è questo il punto.
Il punto è che il momento è già passato e come al solito mi ha lasciato appeso, senza risposte e senza rete. Anche senza cibo e anima, se volete, quella che vorrei vendere, ricordate? Non lo farò mai, lo so, è che sotto questo cielo scuro, sotto quest luna licantropa mi lascio andare.
E faccio fatica a riprendermi.
Buonanotte.

Questa voce è stata pubblicata in Delirio. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...